Documento Esecutivo FIT Cisl Toscana del 12 luglio 2017

Il Comitato Esecutivo della Fit/Cisl Toscana, riunitosi a Firenze  presso la sede di Via Cittadella, 58R, ha fatto il punto su alcune problematiche inerenti il territorio e le eventuali ricadute occupazionali e ha messo in evidenza alcuni aspetti come di seguito riportato:

Autoferrotranvieri

In riferimento alla Gara TPL, l’esecutivo impegna la segreteria a vigilare e monitorare i contenuti del verbale d’incontro  del 04 luglio 2017 con la Regione Toscana,   in particolare per la garanzia dei finanziamenti sia per il servizio tpl negli anni a venire, adeguandoli all’inflazione programmata, sia per gli investimenti sui mezzi (autobus), sia per la realizzazione delle infrastrutture che rappresentano il volano dello sviluppo e dell’occupazione, alfine di realizzare un piano di assunzioni assolutamente necessario. Inoltre l’Esecutivo auspisca che il percorso di “ “affidamento diretto e in via d’urgenza agli attuali gestori” per la durata di due anni, vada a buon fine per dare certezze, prospettive di lavoro e di futuro a tutto i  il settore Autoferro.

Inoltre, riguardo alla soppressione da parte del Governo del  RD 148/31, l’Esecutivo rimarca la tempestività della segreteria nazionale, che ha prontamente sottoscritto il 12 giugno 2017, un accordo presso il Ministero dei Trasporti, dove è stata ricompresa la clausola sociale. In sintesi: adeguamento inflazione programmata del fondo nazionale dedicato al trasporto pubblico locale;  trasferimento del personale in caso di cambio appalto senza soluzione di continuità; applicazione del ccnl autoferro e mantenimento degli accordi di 2° livello; lotta all’evasione tariffaria con l’utilizzazione in maniera prioritaria del personale inidoneo. L’esecutivo, ritiene necessario, oltre alla divulgazione della stampa sindacale Fit, anche di organizzare tutta una serie di assemble nei luoghi di lavoro, per informare e chiarire tutti gli aspetti della materia,  mettendo in evidenza il lavoro fatto dalla Fit Nazionale  e la salvaguardia dell’integrità della categoria degli autoferrotranvieri attraverso il mantenimento sia della garazie che delle tutele attuali. L’esecutivo impegna tutto il gruppo dirigente in tale direzione.

Servizi Ambiente

L’esecutivo, nel riaffermare la linea politica di aggregazione delle aziende nel comparto dell’Igiene Ambiente, dando vita ad un unico gestore come si è realizzato nell’ambito degli ATO Toscana Sud, azienda  “SEI TOSCANA” e Ato Toscana Centro, azienda “ALIA”, ritiene necessario spingere per accelerare tale processso anche nell’ambito dell’ATO Costa, in modo da  giungere prima possibile  al termine del percorso dando vita ad un’unica azienda di gestione la “RETI AMBIENTE”. Non è più il tempo di tergiversare, neanche per quei Comuni che, ancora oggi, dopo molti anni, tentennano e non si decidono a conferire le proprie aziende; diciamo che il tempo è scaduto anche perchè i lavoratori hanno bisogno di certezze e prospettive certe di futuro.

Rimanere da soli e decidere  all’ultimo momento significa non partecipare al processo riformatore e accortentarsi delle briciole per poi dare la colpa agli altri. L’esecutivo impegna il gruppo dirigente a mettere al centro l’occupazione e la salvaguardia della qualità del lavoro nei vari territori ma nello stesso tempo a far sì che la nuova società Reti Ambiente possa decollare per rendere un servizo efficiente ed efficace al territorio e con tariffe eque. In questo ambito è necessario che tutti gli Ato  vadano a regime, per poter affrontare l’idea di un gestore pubblico unico della raccolta rifiuti per tutta la Toscana.

L’ Esecutivo in riferimento alle prossime elezioni delle RSU/RLS  nell’area contrattuale dell’Igiene Ambiente, previste il 25/26 ottobre 2017, impegna la segreteria e tutto il gruppo dirigente, a mettere in campo tutte le iniziative possibili, a partire dal coinvolgimento dei delegati/e e attivisti/e negli impianti, per affermare la presenza Fit/Cisl  nel rappresentare e tutelare tutti i lavoratori del comparto.

Appalti FS

In riferimento al comparto degli appalti ferroviari del Trasporto regionale di Trenitalia nel denunciare le forti violazioni contrattuali rispetto alle gare al massimo ribasso che mettono a rischio molti posti di lavoro, l’Esecutivo impegna tutto il gruppo dirigente a sostenere e partecipare allo sciopero di h24 dalle 21,00 del 12 luglio alle 21,00 del 13 luglio 2017 per il lavoro e il mantenimento dei livelli occupazionali

Ferrovie dello Stato

L’Esecutivo in riferimento alla privatizzazione delle Ferrovie dello Stato e alle recenti notizie apparse sulla stampa, attiverà tutte le iniziative necessarie, sia unitarie che solo come Fit/Cisl,  per impedirne l’attuazione; salvaguardare l’occupazione ma salvaguardare anche un bene pubblico che produce ricchezza per il Paese e per i cittadini, che non deve essere né spezzettato in favore di pochi, né quotato in borsa per racimolare qualche miliardo per tamponare il debito pubblico che si aggira intorno ai 2.300 miliardi di euro.

Documento approvato all’unanimità

Firenze 12 luglio 2017

Privacy Policy Cookie Policy