Lazzi, riassunti i 16 lavoratori licenziati. La soddisfazione della Fit-Cisl

Boni: “La soluzione trovata è una vittoria per tutti: una risposta positiva per la società, per i lavoratori e le famiglie interessate.”

COMUNICATO STAMPA

Piena soddisfazione da parte dei sindacati perché, dopo circa due mesi di pressione nei confronti del Gruppo Lazzi ed in particolare della società Lazzi Express, oggi c’è stata una svolta positiva registrando una disponibilità aziendale ad assumere le 16 persone soggette a procedimento di licenziamento, negli organici della società L.A.Fratelli Lazzi con contratto di lavoro autoferrotranvieri (TPL mobilità).

Le persone interessate (6 a Firenze, 3 a Montecatini, 1 a Pescia e 6 a Viareggio), manterranno la stessa articolazione territoriale e verranno assunte a tempo indeterminato. Per quanto riguarda le 2 persone di Pisa, in regime d’affitto di ramo d’azienda da Lazzi Express a CTT di Pistoia, troveranno anch’esse una soluzione positiva nell’ambito della società utilizzatrice. La decisione è il risultato dell’azione decisa delle organizzazioni sindacali regionali e provinciali di categoria e confederali.

Un riconoscimento va anche agli Assessorati ai Trasporti e al Lavoro della Regione Toscana che hanno creduto nella vertenza ed hanno insistito per il rispetto dell’accordo del 15 febbraio 2011, in materia di TPL (firmato da Regione Toscana, sindacati, Asstra e Anav, Anci e Upi Toscana) che prevedeva una stabilizzazione in merito ai servizi resi ai cittadini, il blocco delle azioni unilaterali da parte delle aziende ed in particolare, escludeva esuberi di personale.

Una svolta positiva, sia per i lavoratori ma anche per l’azienda, che comunque vede il servizio di biglietteria finalizzato al rilancio delle attività di trasporto e alla riqualificazione dello stesso restituendo ai cittadini, sia informazione che assistenza.

In un momento così particolare di crisi generale del mondo del lavoro crediamo che il risultato di oggi sia da valorizzare e mettere in evidenza, in quanto la soluzione trovata può essere considerata una “vittoria di tutti”; una risposta positiva per la società, per i lavoratori e le famiglie interessate.

Firenze 15 aprile 2011

Stefano Boni – Segretario generale Fit-Cisl Toscana

Privacy Policy Cookie Policy