Precipitati lentamente…

Frenesia, ansia, puntualità e chissà quante situazioni si possono elencare nella descrizione della quotidianità di un individuo. Individuo si, ancor prima che lavoratore, persona fisica.

Chiediamoci un attimo se e quante volte, lo stesso individuo pone l’attenzione nell’analizzare ciò che sta facendo assumendo una mentalità aperta alla parolina “sicurezza “.

Proviamo a familiarizzare con questo termine, superando così le “contraddizioni ” e l’effetto domino generato dall’impeto di “qualcosa o qualcuno” che ti dice: “tu devi”!

Compiti, responsabilità, competenze, non possono essere stravolti da “committenti esterni”.

Iniziamo a dare il giusto peso alle pressioni “incoerenti”, sentendoci forti delle corrette procedure che il datore di lavoro elabora (avendo fatto una valutazione dei rischi specifica ed avendo adottato idonee misure di prevenzione e protezione, art. 28 D.lgs 81/08), per svolgere il nostro specifico compito in sicurezza!

Operare in sicurezza potrebbe essere anche espressione di profondo egoismo, del resto ogni individuo potrebbe essere talmente tanto egoista e pensare alla propria salute e sicurezza da non permettere a niente o nessuno di mettere a repentaglio la sua persona.

Ma allora accanto a tanti egoisti è innegabile che vi siano individui che operano in sicurezza con espressione di profondo altruismo.

Così fino ad ora s’è pensato: familiarizzare con la sicurezza vuol dire essere egoisti oppure prodigarsi alla salute e sicurezza anche di altri individui? Tutti pezzi dello stesso ingranaggio!!!

Precipitati Lentamente è un motto dei vecchi manovratori che con saggezza non pensavano di “ velocizzare “ i tempi previsti dalle corrette procedure.

Così, seguendo il loro esempio, facciamo nostro questa attenzione alla sicurezza sia d’esercizio che sul lavoro.

Tornare a casa “interi” può essere una buona idea??!?!!?

Punto Salute e Sicurezza Fit Cisl Toscana

Privacy Policy Cookie Policy