Trenitalia vuol unificare le "distribuzioni" di bordo e macchina

Nella mattinata del 13 novembre si è svolto il previsto incontro con Trenitalia, nel corso del quale la Dirigenza ci ha illustrato la proposta di modello organizzativo dell’impianto equipaggio con la nuova mappatura a livello nazionale.

Il modello presentato prevede l’unificazione dell’Impianto Trazione e dell’Impianto Bordo della Divisone Passeggeri Regionale in un unico Impianto Equipaggio con l’accorpamento delle due “distribuzioni” e la definizione della linea formazione e qualità con la distinzione tra istruttori di condotta e tutor di bordo.

Il nuovo modello prevede, nella proposta aziendale, la presenza di un solo Impianto Equipaggio per ogni regione, con due sole eccezioni, e la chiusura di tutte le distribuzioni presenti negli impianti associati.

Come FIT CISL, unitamente alle altre OO.SS., abbiamo completamente rigettato la proposta aziendale di riduzione degli impianti che abbiamo definito poco funzionale e non in grado di risolvere le tante criticità di gestione che si verificano quotidianamente, specie nel trasporto regionale. A tal proposito, abbiamo chiesto i dati relativi alle consistenze di personale per poter svolgere un ulteriore approfondimento al riguardo e poter articolare una nuova proposta che tenga conto della dimensione degli impianti e della loro ubicazione geografica.

Nel corso della stessa riunione sono state affrontate le criticità relative al sistema di gestione del personale e che erano state evidenziate anche all’interno della riunione della nostra Commissione Tecnica Nazionale del giorno 8 novembre u.s.

Su queste problematiche abbiamo chiesto risposte non più rinviabili, soprattutto in relazione alle questioni dell’equanimità dei servizi, del posizionamento dei riposi, della disponibilità e della corretta indicazione della condotta / scorta, così come previsto dal vigente CCNL.

In merito a ciò, abbiamo colto positivamente la disponibilità del Direttore del Personale e del Responsabile delle Relazioni Industriali di Trenitalia alla positiva soluzione delle questioni da noi poste e, a tal fine, abbiamo aggiornato la riunione al 27 novembre p.v. per la prosecuzione del confronto.

Lascia un commento

Privacy Policy Cookie Policy