10 motivi per scioperare domenica

SCIOPERO REGIONALE PDM e PDB DALLE 21:00 del 15 alle 21:00 del 16 Dicembre, perché scioperare?

  1. Perché l’Azienda sfugge dal confronto previsto dal contratto sui turni. A livello nazionale fugge dai tavoli nonostante avesse promesso delle risposte alle irregolarità di IVU e a livello regionale la dirigenza non dà alcuna risposta ai problemi. Questo è il rispetto e la considerazione dell’Azienda per i problemi del PDM e PDB.
  2. Perché i turni non rispettano ancora il contratto nonostante tutti i passi formali fatti dalle OO.SS: limiti di condotta non comprensivi dei tempi accessori, agente solo/unico in fasce notturne, pause pranzo non inserite nei turni, intervalli giornalieri non rispettati a seguito delle giornate di aggiornamento, etc.
  3. Perché la cadenza dei riposi settimanali non di qualità viene gestita non rispettando il contratto che la prevede “DI NORMA” al 6° giorno. Viene utilizzato un capzioso spostamento finalizzato ad ottimizzare i turni in base alle assenze pre-programmate dal personale.
  4. Perché i turni sono stati consegnati senza rispettare il contratto. Manca inoltre la visibilità e la definizione in ore dei riposi per il 3° mese e il 2° mese consegnato viene considerato dall’azienda “variabile”.
  5. Perché l’Azienda continua a dare 48h anziché 58 per i riposi afferenti alle giornate di disponibilità, nonostante la chiarezza del CCNL.
  6. Perché i turni non rispettano alcuna regola sull’equità e la distribuzione dei servizi fra il personale di uno stesso impianto: RFR, sequenze di mattine, servizi notturni….
  7. Perché continua a crescere il numero di agenti non assegnati ad alcun turno nonostante vi siano giornate lasciate fuori turno e nonostante l’Azienda abbia sempre detto che con IVU i disponibili sarebbero finiti. La “scusa” degli esuberi è assolutamente strumentale!
  8. Perché, nonostante numerose lettere delle OO.SS/RLS, l’Azienda continua a trattare la logistica del personale mobile come un optional in barba alle basilari regole di rispetto della dignità delle persone (bagni assenti in stazioni, sale di sosta indecenti/assenti, mense e dormitori con i soliti annosi problemi).
  9. Perché l’Azienda cerca di sfuggire dal contratto con una miriade di “circolari applicative” che si auto-smentiscono fra di sé oltre a sottrarre soldi al PDM/PDB: gli ultimi esempi sono la modifica dei tempi accessori fatta per interrompere il conteggio della condotta effettiva (8’ per un cambio banco di un navetta!) e l’interruzione dell’assenza dalla residenza ogni volta che si rientra nel Comune.
  10. Perché le ultime aggressioni del Pdb, come le precedenti, non hanno avuto alcun seguito organizzativo aziendale.

Facciamo sentire la nostra voce!!

Le Segreterie Regionali della Toscana

Lascia un commento

Privacy Policy Cookie Policy