Ambiente Lavoro Convention – Modena

L’ottava edizione di Ambiente Lavoro Convention si è svolta alla Fiera di Modena il 13 e 14 settembre. Nedo Domizi RLSAA di Alia Spa, ne è testimone per conto della FIT-CISL Regionale Toscana. 

L’edizione modenese, che si propone quale importante appuntamento dedicato alla sicurezza nei luoghi di lavoro, ha scelto di avvalersi del contributo scientifico di Enti, Associazioni e Aziende, per offrire un programma culturale di altissimo profilo. Soprattutto, ho rilevato nei vari seminari, che c’è un trend in crescita delle denunce di infortunio sul lavoro nel nostro Paese, il quale, alla ripresa dell’economia e della occupazione, si ripropone come in una spirale difficile da spezzare. E così la ripresa si associa all’aumento di un fenomeno che rappresenta da tempo, per tutto il paese, una minaccia per i lavoratori e per i datori di lavoro.

Obiettivo della convention è quello di fornire indicazioni operative per comprendere le molteplici differenze di carattere giuridico e pratico, valutando i rischi che ne possano derivare dal contesto geografico, socio-politico e dalle condizioni igienico-sanitarie del paese in cui il lavoratore è chiamato ad operare, attraverso le testimonianze di esperti del settore che da anni si occupano delle questioni connesse all’impiego dei lavoratori. Ritengo che ci sia ancora molto da fare sul piano della diffusione di una nuova cultura della sicurezza, poiché nei luoghi di lavoro occorre mettere le tante competenze a confronto, così che il fenomeno possa essere affrontato in un’unica approfondita occasione di incontro con tutti gli interlocutori.

Ambiente Lavoro Convention annovera tra i numerosi partner Inail, Associazione Ambiente Lavoro, Aifos, Aias, Asso-acustici, Istituto Ambiente Europa, Società Italiana di medicina del lavoro e di igiene industriale, Regione Emilia Romagna e l’azienda sanitaria di Modena.

Al centro dell’ottava edizione, sono state poste tematiche quali: l’invecchiamento, la sicurezza stradale, la sicurezza nel comparto metalmeccanico e agroalimentare, il benessere sui luoghi di lavoro e la sicurezza ambientale. Ambiente Lavoro Convention si rivolge a tutti quelli che operano nel settore dei servizi alla sicurezza e protezione, a chi si occupa di prevenzione, dalle  malattie sul  lavoro, ai  datori di  lavoro, ai  dipartimenti di sanità delle Aziende USL, ai medici del lavoro e a tutti gli enti e associazioni dedicati alla sicurezza.

Come inviato, ho trovato molto interessante l’insieme dei temi proposti, ho notato come il sistema prevenzione sia molto più attento, proponendo soluzioni alle Aziende e agli Enti, per ridurre significativamente i fattori di rischio, ma soprattutto educare gli addetti alla corretta prevenzione. Investire in sicurezza significa ottenere molteplici vantaggi, sia economici e sociali, per le aziende stesse, per la collettività. Rilevo nella mia visita alla Convention, più attenzione e sensibilità da parte delle aziende, anche per i vantaggi sopra esposti, ma soprattutto gli studi sviluppati in questi anni, consentono di fornire specifiche consulenze, affrontando con nuove prospettive e buoni propositi le protezioni individuali dei lavoratori.

Personalmente ho partecipato a un seminario della Fondazione Rubes Triva, l’Ente paritetico del settore dell’igiene ambientale, che si occupa di sicurezza fornendo le proprie consulenze. Il seminario proponeva un’interessante novità in fatto di formazione dal punto di vista del Lifelong Learning. Il Life longLearning (o apprendimento permanente) è un processo individuale intenzionale che mira all’acquisizione di ruoli e competenze e che comporta un cambiamento relativamente stabile nel tempo. Con il termine “Lifelong Learning”, si intende l’educazione durante tutto l’arco della vita, dalla vita alla morte, quell’educazione che inizia ancor prima della scuola e si prolunga fin dopo il pensionamento.

Ora la formazione diventa accattivante e commisurata alle esigenze della persona, si tratta di comunicare ed ascoltare le necessità dell’individuo per migliorare complessivamente la sua vita. Mi ha affascinato molto questo metodo, il cui successo deriva innanzitutto dal fenomeno della globalizzazione che comporta non solo l’allargamento del mercato del lavoro, e quindi l’esigenza sempre maggiore di aggiornare costantemente il proprio bagaglio culturale e professionale, ma anche l’introduzione sempre più frequente di innovazioni che spingono e quasi obbligano l’individuo a tenersi al passo col cambiamento.Bisogna inoltre considerare il forte invecchiamento della popolazione lavoratrice italiana che porta a questa necessità di “imparare sempre”.

La Formazione deve essere dunque intesa non come formalità burocratica da espletare, ma come strumento indispensabile ai  lavoratori per conoscere e prevenire gli infortuni ed  alle aziende per la propria responsabilità di Legge e di bilancio.

Nedo Domizi RLSAA FIT-CISL di Alia Spa Firenze

 

Privacy Policy Cookie Policy